Presentato il progetto Rural WASH in Oromia

Venerdì 13 agosto si è tenuto l’evento di lancio del progetto Rural WASH in Oromia.

L’obiettivo dell’iniziativa consiste nel migliorare l’accesso all’acqua potabile e ai servizi igienici in 3 Woreda situate nella South West Shewa Zone della regione Oromia, in Etiopia.
Le componenti principali consistono nella costruzione e ristrutturazione di 20 acquedotti rurali e la realizzazione di 20 infrastrutture igienico sanitarie in altrettanti istituti scolatici.
Inoltre, il progetto prevede la formazione di tecnici locali per abilitarli alla costruzione di piccole infrastrutture idrauliche e nella loro manutenzione nel tempo.
Anche in questo progetto, la sostenibilità è uno degli obiettivi principali e per questo si prevede una riduzione dell’uso di energia elettrica da fonti fossili attraverso l’installazione di pannelli fotovoltaici e lo sviluppo di nuovi schemi a gravità.

AICS ha stanziato 2 milioni di euro per finanziare il progetto, direttamente erogati alla regione Oromia. L’Agenzia ha inoltre assegnato un fondo di 200.000 euro all’organizzazione della società civile (OSC) COOPI, che garantirà assistenza tecnica specializzata ai tecnici regionali durante l’implementazione delle attività.

All’evento, organizzato dal Bureau of Finance and Economic Cooperation della Regione Oromia (BOFEC) hanno partecipato: l’Oromia Water and Energy Resources Development Bureau (OWERDB), i rappresentati delle Woreda e delle zone e relativi uffici WASH, uffici finanziari, uffici per il supporto sociale e igiene pubblica e gli esperti WASH della OSC COOPI.
I rappresentati locali hanno accolto con entusiasmo l’iniziativa e si sono detti pronti a collaborare attivamente. Le comunità rurali della South West Shewa, infatti, ad oggi, godono di un accesso particolarmente limitato alle risorse idriche. Il progetto AICS “Rural WASH in Oromia” supporterà quindi in modo significativo tali comunità, non solo assicurando l’accesso all’acqua potabile, ma anche coinvolgendo e capacitando i tecnici locali garantendo la sostenibilità delle opere.

Posted in News ita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *